Il Ciclope Polifemo - Meravigliose Isole Greche - Le Isole Greche con noi

Il Ciclope Polifemo

Chi non conosce il ciclope Polifemo? Penso che al mondo pochissime persone non sappiano della sua esistenza e delle sue affascinanti storie.

Cominciamo con il presentarlo, chi era prima di tutto Polifemo? Era un ciclope, una figura della mitologia greca dalle dimensioni gigantesche e con un occhio solo al centro della fronte. Il nome deriva dal greco "κύκλος" (cerchio) e "ὤψ" (occhio). Ci sono due tipi di Ciclopi, alcuni descritti da Esiodo un poeta greco che li rappresentava come esseri molto abili nell'artigianato e nella lavorazione del ferro tanto è vero che venivano considerati gli aiutanti di Efesto il Dio del fuoco ed i creatori dei fulmini di Zeus. Erano tre fratelli Bronte detto il Tonante, Sterope detto il Lampo ed Arge detto lo Scintillante tutti generati da Urano ed Era. Da Omero invece erano paragonati a dei mostri terribili che oltre a dedicarsi alla pastorizia erano anche voraci di esseri umani e che vivevano in isolamento all'interno di grotte ed uno solo viene citato appunto Polifemo. Secondo Omero, Polifemo ed i ciclopi erano essere inferiori e figli del Dio Poseidone a sua volta figlio di Urano ed Era e di Toosa una ninfa dei mari.

La terra dei Ciclopi secondo Omero era la Sicilia e nello specifico la zona era quella ai piedi dell'Etna, mentre secondo alcune carte marine antiche sarebbe stata di fronte ai Faraglioni dei Ciclopi presso Aci Trezza sempre in Sicilia, ed ancora secondo le indicazioni di Tucidide uno storico ateniese del 460 a.C, la terra dei ciclopi si trovava a nord di Napoli dove c'è l'isola di Nisida fra le scogliere di Posillipo dove una particolare grotta dalle grandi dimensioni potrebbe essere stata la grotta di Polifemo. Infine anche l'arcipelago delle Egadi dove si trova Favignana, Levanzo e Marettimo si attribuiscono come la casa dei Ciclopi.

Ma veniamo alle storie che girano intorno a questo Ciclope. La piu' famosa è di sicuro quella legata ad Ulisse che durante il suo ritorno da Troia si ferma sull'isola e spinto dalla sua innata curiosità comincia ad esplorarla fino a quando non trova la grotta di Polifemo dove viene catturato dal ciclope insieme a tutti i suoi compagni. Sei dei dodici uomini di Ulisse vengono divorati subito mentre gli altri vengono intrappolati nella caverna che viene chiusa da un enorme masso. Ulisse escogita un piano per fuggire e come prima cosa offre moltissimo vino al mostro fino a farlo ubriacare ed addormentare. Tanto fu' gradito il dono che Polifemo promise ad Ulisse di mangiarlo per ultimo se ne gliene avesse dato ancora e chiese inoltre di sapere il suo nome. Astutamente il Re di Itaca risposte di chiamarsi “Nessuno” e Polifemo pieno di vino si addormentò di nuovo. Mentre il ciclope era tra le braccia di Morfeo, Ulisse ed i suoi compagni costruirono un bastone con un pezzo di ulivo che si trovava nella caverna conficcandolo nell'unico occhio dell'essere che svegliatosi dal dolore comincio' ad urlare e chiedere aiuto ai fratelli. Arrivati alla grotta, gli altri ciclopi chiesero al fratello chi fosse stato a fargli del male e lui rispose che era stato “Nessuno” nel tentativo di ucciderlo e vedendolo ubriaco non gli diedero peso e lo lasciarono nel suo dolore. Nel frattempo Ulisse e gli altri uomini si nascosero in mezzo al gregge di pecore di Polifemo che cieco non poteva capire dove fossero finiti. Alla mattina seguente quando venne aperta la grotta per fare uscire gli animali, Ulisse e gli altri riuscirono a fuggire aggrappandosi al vello del ventre delle bestie cosi' che Polifemo toccandole per capire se erano gli uomini non si accorse di loro. Quando si rese conto della fuga corse sul promontorio dove comincio' a scagliare pietre in mare con la speranza di colpire la nave di Ulisse ed affondarla. Ovviamente non ci riusci', ma Ulisse commesse l'errore piu' grande di tutta la sua avventura verso Itaca rivelando al ciclope in segno di autocompiacimento il suo nome “Se qualcuno ti chiederà chi ti ha accecato, rispondi che non fu Otuis (nessuno) ma Ulisse di Itaca”. Polifemo sapendo a questo punto il vero nome di colui che lo aveva beffato e rovinato per sempre, comincio' a maledirlo e pregò il padre Poseidone di fare di tutto per non farlo piu' ritornare a casa e vendicarlo. E cosi' fece il Dio del mare, scatenando burrasche e venti terribili, fino a far naufragare Ulisse perdendo la sua nave e rallentando il suo rientro ad Itaca.

Un'altra leggenda legata a Polifemo è quella che parla della Ninfa Galatea. Il ciclope ministro di Efesto si innamora della ninfa una delle cinquanta ninfe del mare, le Nereidi, figlie delle divinità marine di Doride e Nereo, la quale era innamorata del pastorello Ace figlio del Dio Pan il Dio dei boschi e dei monti. Una sera Polifemo vede Galatea ed Ace baciarsi in riva al mare e pazzo dalla gelosia comincia a premeditare la sua vendetta. Appena Galatea si tuffa in mare, Polifemo accecato dalla rabbia comincia a picchiare pugni sulla parete della caverna facendo tremare tutta la montagna per poi dirigersi verso il bosco alla ricerca di Ace devastando tutto quello che incontrava fino a quando non incontrò il povero pastorello che schiacciò lanciandogli addosso un grosso pezzo di roccia. Galatea appena venne a conoscenza della disgrazia corre da Ace ormai privo di vita e cominciò a piangere. Gli Dei presi da compassione per tanto dolore trasformano il sangue di Ace in un piccolo fiume che nasce dall'Etna e sfocia nella spiaggia dove erano soliti incontrarsi.

E' sempre affascinante scoprire un pezzo della storia della Grecia anche se si tratta solo di leggende, fa viaggiare con la fantasia ed alimenta sempre piu' la voglia di conoscenza di questa grande e maestosa terra.

CATEGORIE

Richiedi un preventivo per la tua vacanza

Compila la richiesta senza impegno

Sarai contattato da un nostro operatore o via telefono oppure via whatsapp dal numero 3338599121 per poter personalizzare ed esaudire al meglio ogni tua richiesta.

Riceverai un messaggio via whatsapp quando i preventivi sono pronti

Iscriviti alla nostra newsletter

Meravigliose Isole Greche

Per ricevere offerte esclusive, curiosità e consigli segreti sulle meravigliose isole greche !

© Copyright 2022 by Meravigliose Isole Greche  - Vietata la copia, anche parziale, non autorizzata - Tutti i diritti riservati